Lorem Ipsum

Lorem ipsum dolor sit amet

Ago29

Comunicato per la stampa

Categorie // Comitato Lavoratori della Giustizia

Siamo il COMITATO LAVORATORI DELLA GIUSTIZIA (costituito con atto  registrato presso il Tribunale di Cassino ed al quale hanno aderito dipendenti di molti altri uffici e  molti altri stanno aderendo e che  ha quali fini  il contrasto alla  campagna denigratoria e mortificante  che subiscono i Dipendenti di Ruolo del Ministero di Giustizia (assunti a seguito di regolare concorso) e per cercare di chiarire e di informare chiunque su quanto sta veramente accadendo relativamente alla vicenda del "TIROCINANTI NEL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA" ed  alla perdurante inadempienza del Ministero sulla RIQUALIFICAZIONE DEL SUO PERSONALE nonché difendere i propri diritti in tutte le sedi necessarie anche giudiziarie .
 
Siamo testimoni dell’ennesima ma più mediatica delle operazioni illegittime ed incostituzionali che da decenni ormai si svolgono presso  le amministrazioni pubbliche incluso il Ministero della Giustizia.
Attualmente circa 3400 tirocinanti che si autodefiniscono “precari della Giustizia” stanno manifestando in tutta Italia (come avevano già fatto altre 2 volte in precedenza) per ottenere dal Ministero della Giustizia la “stabilizzazione”  in spregio delle regole della Costituzione ( art. 3 , 51 e 97) che impone il Concorso Pubblico aperto a tutti i cittadini in condizione di uguaglianza.
       
Chi sono i tirocinanti:
Si tratta di  persone, disoccupati e inoccupati che hanno partecipato a  Progetti Regionali per la formazione al lavoro (da qui tirocinanti o stagisti e NON PRECARI DELLA GIUSTIZIA COME SI FANNO CHIAMARE ) della durata di 12 mesi  presso  varie Regioni con fondi stanziati dalla Comunità Europea . Le Regioni  le hanno poi "cedute"  agli Uffici Giudiziari ove svolgono    servizio di ausilio al personale di ruolo (fotocopiatura degli atti , indicizzazione degli atti , sistemazione archivi).

Ago05

Cosa succede negli uffici del GDP soppressi?

Categorie // Comitato Lavoratori della Giustizia

Ecco alcuni spunti per quello che riguarda l'Umbria in particolare la Provincia di Perugia.
Ad oggi i GDP rimasti con oneri a carico dei Comuni sono:
- Gualdo Tadino
- Gubbio
- Città di Castello
- Castiglione del Lago

Solo il Comune di Città di Castello ha individuato il personale che a partire del 7 luglio sta frequentando i corsi presso il GDP di Perugia!!
I Comuni di Gubbio, Gualdo Tadino e Castiglione del Lago addirittura non hanno presentato neanche l'impegno di spesa quindi.. che fine faranno??
Sembra che i Sindaci vogliano chiedere al Ministero un accorpamento dei due Comuni!!! ma ad oggi nessun dipendente sta frequentando i corsi!!!
Vale la pena ricordare che dal 28 ottobre noi Ministeriali dobbiamo per forza abbandonare gli Uffici quindi tutti allo sbando!!
Altra assurdità!!, il Comune di Assisi aveva avanzato richiesta di essere inserito come sezione distaccata del GDP di Perugia, lo prevedeva un'apposita norma, ma la proposta non è stata accettata.
Allora anche se erano scaduti i termini, vista la risposta negativa, il Comune ha avanzato richiesta di poter mantenere a proprie spese l'Ufficio indicando già le persone da inserire e far frequentare i corsi!!
Ma ad oggi nessuna risposta!!! Siamo alla frutta!!
Infine quei poveri dipendenti comunali che stanno facendo i corsi sono a dir i poco spaesati!!
Pensate sbattuti in cancelleria nel mese di luglio e agosto!! 3 ore al giorno senza sapere neanche di cosa si parla!!!
Questa è la formazione!!??! E a formarli sono i colleghi degli uffici GDP soppressi senza neppure indennità di missione!
I costi!!!.
Vi allego un articolo apparso proprio in questi giorni sulla stampa locale!!
Altro che risparmi di spesa!!!! 

Visualizzazione di costiufficigiudiziari.JPG

Ago05

IL GRANDE BLUFF DELLA PROGRESSIONE DI CARRIERA

Categorie // Comitato Lavoratori della Giustizia

Quanto ancora dobbiamo attendere per avere il giusto riconoscimento della nostra professionalità? 

Qualcuno ci deve delle spiegazioni.

Abbiamo taciuto per anni mentre alle nostre spalle si consumava ogni sorta di ingiustizia circa le  progressioni di carriera,  prima attuate poi bloccate e successivamente annullate grazie al meraviglioso connubio tra sindacati inefficaci e amministrazione "distratta". 

Mentre  noi eravamo lì,  in quegli Uffici Giudiziari a stringere i denti ed assicurare il Servizio Giustizia sempre e comunque. Noi siamo stati lì , dietro e dentro le aule di  udienza senza guardare l'ora , sacrificando un tempo che nessuno ci avrebbe mai retribuito perché non ci sono mai abbastanza soldi ma nessuno di noi si è mai alzato e abbandonato quei luoghi che abbiamo contribuito ad evitare che affondassero . 

Abbiamo svolto mansioni con onore senza badare a ciò che potevamo "astenerci dal compiere perché non di nostra competenza" secondo il contratto. 

Abbiamo oltrepassato oceani di "vacanze in pianta organica" ed abbiamo imparato a conviverci mentre ognuno di noi produceva per tre fino a sembrarci normale. 

Abbiamo sostenuto ognuna delle loro riforme a "costo zero" , formandoci giuridicamente , autonomamente e silenziosamente.

Abbiamo assicurato il passaggio all'informatizzazione imparando da soli tutto quel che avrebbero dovuto insegnarci , tacendo pur davanti all'indifferenza dell'Amministrazione. 

Abbiamo atteso il nostro turno mentre ogni collega di altra amministrazione progrediva di carriera anche due volte in questi 24 anni e ora ? 

Ora solo parole. Ancora altre parole.

<<  38 39 40 41 42 [4344  >>